Barumini . Net

Il sito per chi ama Barumini

  • RSS
  • Delicious
  • Facebook
  • Twitter

Andrea Pisanu vince la prima edizione della Stranuraghi

Pubblicato da Super_User 19 giugno 2017
Granfondo della Marmilla

Si è svolta il 18 giugno 2017 la Stranuraghi, Granfondo della Marmilla, la gara ciclistica valida per il campionato regionale di Granfondo. L’evento, organizzato dal Consorzio Sa Corona Arrùbia in collaborazione con Gino Mameli, si è caratterizzato per grandi e ricche emozioni.

Un centinaio i corridori, alla presenza del grande Claudio Chiappucci, e di fronte all’imponente reggia nuragica di Barumini, sono partiti per una gara il cui itinerario si è snodato in uno scenario naturalistico mozzafiato. Il percorso si è presentato ondulato, con discese alternate a salite rese ancora più ostiche dalle alte temperature di una giornata estiva. Quasi subito è emersa la forza e la determinazione di Andrea Pisanu della Società Antonio Manca di Ittiri, che subito in fuga ha staccato il gruppo ipotecando la propria vittoria. Tra le donne è stata premiata la grinta di Carla Atzori della Società Bike Serramanna.

Il vincitore Andrea Pisanu

Il vincitore Andrea Pisanu

In un clima festoso e di sana competizione, sono stati tanti i protagonisti. Non solo gli amanti delle due ruote, ma anche famiglie e ragazzi che hanno voluto partecipare a una straordinaria giornata di sport e cultura. Numerosi coloro che hanno aderito a vario titolo per la riuscita di una manifestazione imponente e impegnativa. Cento i volontari tra Compagnie Barracellari, Protezione Civile e Associazioni aderenti alla PIV il cui impegno è stato fondamentale per lo lo svolgimento di un evento unico.

I comuni della Marmilla coinvolti hanno risposto con profondo entusiasmo a questa prima edizione. Con la sinergia messa in campo, contraddistinta da un’intensa positività, la ricaduta promozionale e turistica sul territorio è stata di grande rilievo. Le peculiarità culturali, storiche, enogastronomiche e naturali si sono unite allo sport senza perdere la propria orginalità, rimarcando una volta di più l’identità culturale di un intero territorio. Questo successo dimostra che uno sviluppo sostenibile è possibile, il Consorzio continuerà a utilizzare tutte le sue energie per conseguirlo.

Comments are closed.